Zenzero Candito

 

Lo zenzeroLo zenzero, originario dell’Estremo Oriente, è una radice ramificata e bitorzoluta, dalla consistenza fibrosa. Il gusto è particolare: forte, aromatico e piccante. Per il suo aroma e per le sue proprietà rinfrescanti, e stimolanti della digestione, si usa per aromatizzante le pietanze, i dolci e i biscotti o per preparare infusi. Oppure semplicemente candito può essere gustato dopo cena o con il té.

E’ sempre meglio acquistare lo zenzero fresco, quindi pelarlo e poi grattugiarlo o tritarlo finemente. Si aggiunge alle pietamze solo all’ultimo momento, perchè non perda il suo aroma. Naturalmente è possibile smorzare il suo gusto pungente ponendolo in ammollo in acqua fredda per alcune ore o sbollentandolo più volte.

Pur essendo una spezia d’importazione – alla nostra latitudine non riesce ad attecchire – e, in teoria, sempre presente nei banchi di vendita, è bene utilizzare lo zenzero a fine autunno/inizio inverno, il momento migliore per dissotterrare le radici nei luoghi di coltivazione.
Preparare lo zenzero candito è un gioco da ragazzi, solo richiede un po’ di tempo per la preparazione e un poco di attenzione mentre lo si caramella. Ma alla fine la soddisfazione è grande e, con poca spesa, può essere un regalo di Natale molto apprezzato!

Immagine anteprima YouTube

facile[

tempo di preparazione: 20'

tempo di cottura: circa 2 ore


Ingredienti: 350 g zenzero fresco, 350 g (ca) zucchero.

 

Pela lo zenzero fresco.

Pela lo zenzero fresco.

Pela lo zenzero con il pelapatate, quindi ripulisci le parti più difficili da raggiungere con un coltellino. Metti lo zenzero in una ciotola piena di acqua fredda, appena spellato, altrimenti annerisce.

Taglia lo zenzero a fettine sottili, a cubetti o a listerelle poi mettilo in una casseruola coperto con acqua fredda. Porta l’acqua a bollore, lascia sobbollire per 5’ poi scola lo zenzero. Rimetti lo zenzero nella pentola, coprilo ancora con acqua fredda, lascialo sobbollire ancora per 5’ poi scola nuovamente lo zenzero. Ripeti lo stesso procedimento per 3 volte totali. Servirà a smorzare leggermente, ma non troppo, il gusto pungente.

 

 

 

Cuoci lo zenzero in acqua.

Cuoci lo zenzero in acqua.

A questo punto rimetti lo zenzero, coperto d’acqua fredda, nella pentola e cuocilo per circa 40’. Alla fine, inserendo uno spiedino di legno, lo zenzero deve risultare morbido ma ancora sodo.

 

 

 

 

 

 

 

Unisci allo zenzero ugual peso di zucchero.

Unisci allo zenzero ugual peso di zucchero.

Scola lo zenzero, pesalo e mettilo in un’ampia padella – che lo contenga in un solo strato – e ricoprilo con uguale peso di zucchero. Infine bagna con 3 o 4 cucchiai d’acqua fredda.

 

 

 

 

 

 

 

 

Caramella lo zenzero a fuoco basso.

Caramella lo zenzero a fuoco basso.

Porta a bollore a fuoco medio e lascia sobbollire, mescolando appena di tanto in tanto, fino a quando il liquido è quasi evaporato e lo zenzero è diventato trasparente.

fino a quando il liquido sarà ristretto.

fino a quando il liquido sarà ristretto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Scola lo zenzero e appoggialo su un un foglio di carta alimentare spolverizzato di zucchero poi lascialo intiepidire. Fai attenzione perchè è ustionante!

 

 

 

ricopri lo zenzero con lo zucchero.

ricopri lo zenzero con lo zucchero.

Infine metti 5 cucchiaiate di zucchero in un sacchetto di carta alimentare, unisci una manciata di pezzetti di zenzero alla volta e scuoti bene per ricoprirli completamente di zucchero.

 

 

 

 

 

 

Trasferisci lo zenzero in barattoli di vetro a chiusura ermetica e, se resisti alla tentazione, si conserverà per parecchio tempo.

Tags: , , ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.

2 Responses to “Zenzero Candito”

  1. settembre 12, 2012 at 8:31 #

    scusa il ritardo, ma è stato un mese complicato. In realtà succede il contrario: lo zenzero tende a seccare. tienilo chiuso in barattoli ermetici per conservarlo più morbido. a presto

  2. marzo 6, 2012 at 7:06 #

    Io li conservo così in un barattolo a chiusura ermetica e non trasudano, anzi! Se vogliamo il problema è inverso: tendono a seccare troppo.

Leave a Reply